73 / 100
la struttura di una pagina web

La struttura di una pagina web nasce dall’intrecciarsi di molteplici competenze, ecco perché oggi voglio darti alcuni consigli per modificarne i contenuti, rispettando la sua armonia.
Nel design, infatti, la bellezza si raggiunge quando forma e funzione raggiungono un perfetto equilibrio. Ecco perché il designer, a differenza di un’artista, è un progettista e non un creatore.
La magia del design non è quella di far nascere le cose dal nulla, ma di costruirle sulla base dei bisogni delle persone.

“Il cattivo design è fumo, il buon design è uno specchio.”

Juan Carlo Fernandez

All’interno di una pagina web ciò avviene a diversi livelli, perché non solo il contenuto nasce per informare, empatizzare o risolvere un problema, ma anche l’interfaccia risponde alle abitudini di navigazione delle persone, assecondandole.

 

I 3 elementi di una pagina web

Una pagina si compone di tre elementi che devi conoscere per poterla modificare senza inficiarne la funzionalità e la bellezza: lo scheletro, il contenuto e il look and feel.

 

La scheletro o wireframe

Lo scheletro della pagina nasce per rispondere a un obiettivo specifico e si divide in sezioni che, in linea di massima, occupano la grandezza della schermata di un computer, con qualche eccezione (il footer, piccole fasce dedicate, per esempio, all’iscrizione a una newsletter, gallery estese, etc).

Il disegno della struttura di un sito prende il nome tecnico di wireframe.

Wireframe

Lavorare prima sulla struttura è necessario per gestire nel modo corretto le lunghezze dei testi e bilanciarle con i giusti elementi grafici.
Evita, per esempio, lunghe colonne di testo senza immagini accanto e, piuttosto, se la tua pagina è suddivisa in due colonne, alternale, invertendo i due elementi in ogni sezione.

La progettazione della struttura tiene conto anche del grado di coinvolgimento della persona che è sul sito, disponendo in primo piano gli elementi essenziali e, a seguire, elementi di riprova sociale (testimonianze, recensioni, gallerie di progetti), approfondimenti, contatti e footer.

 

Il contenuto

Una pagina può contenere testi, immagini e altri elementi grafici, come icone e infografiche, ma il requisito essenziale di ogni pagina è la leggibilità. Assicurati che le dimensioni del font e le sue caratteristiche permettano a tutti di leggere con facilità parole e titoli.

L’insieme di questi elementi va a comporre una gerarchia visiva, che deve permettere a chi visita la pagina di orientarsi velocemente e trovare le informazioni che cerca senza essere costretto a seguire un percorso prestabilito.

Qualcuno vorrà leggere per filo e per segno tutta la storia che hai voluto raccontare nella tua pagina Chi sono e qualcun altro preferirà scorrere la pagina alla ricerca di un titolo chiave o di un elemento specifico: un dettaglio della vostra formazione, una parola o una citazione che richiami l’attenzione e susciti un’emozione.

Progettare una pagina significa assecondare diverse modalità di lettura, inserire nel titolo elementi significativi, usare i grassetti con sapienza, creare delle categorie, suddividere in colonne, variare il colore di sfondo o inserire dei separatori che diano ritmo.

Presta attenzione anche all’uso dei tag per i titoli, all’interno del codice html. Per finalità SEO ogni pagina deve contenere, per esempio, un solo tag h1 (che identifica il titolo principale). Un buon contenuto è un perfetto mix di marketing, informazione, ottimizzazione SEO e storytelling, e dev’essere progettato per accordarsi alla voce del tuo brand.

 

Il look and feel

Il look and feel è l’aspetto di una pagina, l’armonia ricreata dal corretto uso degli elementi grafici.

Per modificarlo è necessario essere a conoscenza delle linee guida visive del proprio brand e della leggenda che l’ux-designer ha voluto ricreare. Per esempio, è possibile che abbia usato due diverse tipologie di pulsante, da applicare in contesti diversi, uno squadrato e l’altro stondato. 
Elementi che sembrano trascurabili, ma che ti aiutano a muoverti istintivamente attraverso la pagina. 

Il look and feel si intreccia all’identità grafica già progettata, la rispetta e l’interpreta mettendo in campo nuovi elementi perfettamente allineati allo stile comunicativo creato in precedenza.
Fai particolare attenzione alla visualizzazione che la tua pagina avrà da mobile, nascondi alcuni elementi, inserisci dei link ipertestuali e assicurati che la tua pagina sia responsive (si adatti graficamente a tutti i dispositivi).

Come avrai notato, modificare la struttura di una pagina non è banale! Con questo articolo ho voluto proporti una piccola panoramica degli elementi essenziali per la progettazione di una pagina, ma ci sono molti aspetti che ho affrontato solo superficialmente.

Se hai la necessità di modificare una pagina web, sarebbe meglio che ti rivolgessi a dei professionisti, ma se proprio non è possibile, fai buon uso di questi consigli e sfruttali come input per approfondire i singoli aspetti. 🙂

Ti lascio qui un’altro articolo che potrebbe interessarti:
Come scrivere i testi per la pagina Chi sono

 

Ho un regalo per te!

Si chiama Indelebile ed è una guida pratica e gratuita per entrare in

empatia con la tua audience e farti ricordare.
Per riceverla ti basta iscriverti alla mia newsletter!

Consenso al trattamento dei dati

Sei iscritto alla newsletter! Controlla la casella email e lo SPAM per essere certo di ricevere il tuo bonus :)

Fai il test gratuito sui brand archetypes!

 

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere il test e scoprire il tuo profilo e i consigli sul tuo stile comunicativo, in base al tuo archetipo.

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo :)

Consenso al trattamento dei dati

Sei iscritto alla newsletter! Controlla la casella delle promozioni e lo SPAM per essere certo di ricevere il tuo bonus :)

Pin It on Pinterest